Archivio

Archivio Aprile 2007

CANZONE DEL MESE – APRILE 2007

30 Aprile 2007 2 commenti


The winner is… Far out, dei Blur. Album – Parklife (1994). Causa minacce da parte di un componente della commissione giudicante, mi trovo costretto ad eleggere questo brano come Song of the month…

L’ammazzo e torno…

28 Aprile 2007 1 commento


(ANSA) ROMA, 27 APR – Pena ridotta a 16 anni. La corte d’appello di Torino ha concesso alla Franzoni le attenuanti generiche dichiarate equivalenti alle aggravanti. La Corte, in base a quanto si ricava dalla lettura del dispositivo, ha confermato le pene accessorie per Annamaria Franzoni: l’interdizione dai pubblici uffici, lo stato di interdizione legale e la decadenza dalla potesta’ di genitore.

16 anni?!!! Sedici anni dovrebbero darglieli per ciò che ha fatto in questi cinque anni agli italiani!! Decine e decine di apparizioni dal viscido Vespa (senza contare le puntate in cui non era ospite ma c’erano, a gran richiesta, il plastico della sua villetta e l’ineffabile avvocato Taormina!!!), libri pubblicati, interviste con ettolitri di lacrime (finte?), dichiarazioni ripetitive e inutili: pane quotidiano per Studio Aperto! 16 anni solo per tutto ciò! Ci mancava soltanto che si mettesse a fare la modella di biancheria intima!
Andiamo avanti: quali sarebbero le attenuanti generiche? Essere incensurati? Essere ‘mammina’? Abitare in Valle d’Aosta?! Per aver aperto la testa del figlioletto con un mestolo, minimo ce ne volevano una trentina… Tot: 46.

Le è andata di lusso!

L’ ingiustizia trionfa!!

28 Aprile 2007 Commenti chiusi


MILANO (Reuters) – La Corte d’Appello di Milano ha assolto oggi con formula piena l’ex presidente del Consiglio Silvio Berlusconi nel processo stralcio per la vicenda Sme in cui il leader di Forza Italia e fondatore di Mediaset era imputato di corruzione in atti giudiziari.

Berlusconi è stato assolto oggi perché “il fatto non sussiste” e “per non aver commesso il fatto”, ha detto il presidente della corte in aula leggendo il dispositivo della sentenza.

Il processo d’Appello nei confronti di Berlusconi si è celebrato dopo che la Corte Costituzionale ha annullato lo scorso febbraio la legge Pecorella sull’inappellabilità delle sentenze di assoluzione in primo grado, legge che aveva impedito alla procura di impugnare in appello l’assoluzione di Berlusconi pronunciata dal tribunale di Milano il 10 dicembre 2004.

Nel processo Sme i filoni d’accusa sono in sostanza due: la presunta corruzione sistematica dell’ex capo dei gip romani Renato Squillante e la presunta corruzione dello stesso Squillante più altri magistrati romani per ottenere sentenze favorevoli nella contesa legale con la Cir di Carlo De Benedetti per l’acquisizione del gruppo agroalimentare pubblico Sme dall’Iri a partire dalla metà degli anni ’80.

In primo grado, Berlusconi era stato assolto da due ipotesi di corruzione ma ritenuto responsabile di un terzo episodio, per il quale il collegio giudicante gli aveva concesso le attenuanti generiche, comportando l’estinzione del reato per intervenuta prescrizione.

Il ministro delle Infrastrutture ed ex pm Antonio Di Pietro ha però sottolineato che la sentenza di oggi non implica che il reato non sia stato commesso da nessuno.

“L’assoluzione di Berlusconi nel processo Sme per non aver commesso il fatto non significa che quel fatto non sia stato commesso, anzi. Al riguardo è infatti bene ricordare che in quel processo risulta condannato, seppur in maniera non definitiva, l’Onorevole Cesare Previti”, ha detto Di Pietro ricordando che, nonostante Previti sia stato condannato in via definitiva per altri reati, continua a sedere in Parlamento.

Berlusconi è tuttora imputato davanti al tribunale di Milano nel processo principale su presunti illeciti nei diritti televisivi Mediaset e in un procedimento stralcio con l’avvocato britannico David Mills per concorso in corruzione. In questi due processi Berlusconi e gli altri imputati hanno respinto le accuse.

“Berlusconi era molto emozionato”, ha detto uno dei due difensori dell’ex premier, Gaetano Pecorella, commentando la decisione.

“UNDICI ANNI DI FATICHE”

Dopo essere stato perseguitato per undici anni da accuse infamanti, l’ex premier è stato finalmente assolto! Ha dimostrato di essere un po’ più uguale degli altri, come, chi è stato votato dal 50% degli italiani, merita…
Abbiamo poche certezze, l’impunità del povero Silvio è una di queste, forse la certezza più salda.

Fonte: Reuters

Riferimenti: Reuters

CANZONE DEL MESE – MARZO 2007

6 Aprile 2007 21 commenti


(con qualche giorno di ritardo, chiedo umilmente scusa…) The winner is… Tomorrow Never Knows, dei Beatles. Album: Revolver (1966).

La dedico a Tore, che da diverso tempo non si fa vedere da queste parti…!

Wind cambierà il mio piano tariffario…

5 Aprile 2007 5 commenti


“Gentile Cliente, dal 15/05/07 il suo piano tariffario Sempre Light diventerà Wind Senza Scatto New….”

Che culo!
Mi girano e inizio a guardare in rete se questo comportamento è considerato un abuso; con mia sorpresa scopro che non lo è, anzi risponde perfettamente alla legge, che consente all’operatore di effettuare modifiche alle tariffe previa comunicazione (SMS in questo caso) e con un certo anticipo (ora non ricordo i tempi). Non si può fare un cazzo, a parte cambiare operatore. Benissimo, vado a vedere le tariffe delle altre compagnie ed ecco che sono tutte più care di Wind. In quel posto per la seconda volta.
Wind con suo servizio super schifus fatto di chiamate che non senti un cazzo riesce ad avere i prezzi + bassi.
Vaboh tanto è inutile arrabbiarsi, lo uso talmente poco il cell.
Lo usero ancora meno!!!

Torniamo ai piccioni viaggiatori!!!